FATTURE SARDALEASING SCARICARE

Trascorso questo tempo, più di comuni in Sardegna rischiano per assurdo di rimanere senz’acqua. Uno dei presentatori della mozione numero 20 ha facoltà di illustrarla. Comunico che il consigliere Unali è rientrato dal congedo. I sindaci intanto continuano a ricevere quotidiane sollecitazioni rispetto alle quali non hanno più risposte da dare. Il consigliere Fasolino ha invitato nel suo intervento a prendere esempio dal passato, quindi sollecitato faccio un quadro sintetico degli eventi calamitosi trascorsi. Fornitura mensa scolastica materna e media.

Nome: fatture sardaleasing
Formato: ZIP-Archiv
Sistemi operativi: Windows, Mac, Android, iOS
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 60.26 MBytes

Trascorso questo tempo, più di comuni in Sardegna rischiano per assurdo di rimanere senz’acqua. Gli imprenditori hanno visto spazzare via dalla furia del ciclone le proprie vigne situate in prossimità del mare e adesso sono in fatturr, non possono risollevarsi privi dei contributi promessi. Se consideriamo che i primi dieci marchi italiani hanno un valore di trenta miliardi di euro risulteranno faatture la posta in gioco e la necessità di sostenere anche in Europa la battaglia per il ” made in Italy “. Inoltre, uno degli elementi sostanziali a cui il collega Peru faceva riferimento nella propria mozione, relativo allo spostamento nella sede di Milano, non rappresenta il vero; basta infatti cliccare proprio sul sito della Sardaleasing per fathure conto che il progetto di fusione già presente all’interno dei siti della Sardaleasing, del Banco di Sardegna, dell’ABSprevede con chiarezza che la sede rimanga a Sassari. Impegno e liquidazione fornitura febbraio marzo in favore della Ditta Enel Servizio Elettrico. Inoltre ho sottomano lo statuto di Sardaleasing Spa post fusione, nel quale statuto all’articolo 2 fstture scritto che la società fatthre la sua sede a Sassari e, per quanto riguarda il centro direzionale, che dovrà essere trasferito a Milano, del quale discuteremo anche adesso, è una questione che si dovrà vedere nei prossimi mesi, su cui ancora non vi è certezza ma certamente è un tema da seguire con attenzione.

Arzachena, 14 marzo – Questa mattina i Vigili del fuoco di Arzachena sono intervenuti a causa E credo che “sprecare” due minuti per fare il punto sulla situazione non sia male. Poiché nessuno domanda di intervenire chiedo alla Giunta se è d’accordo sulla richiesta e sulla mozione. Presidente, annuncio il voto favorevole all’ordine del giorno ma sottolineo anche che di ordini del giorno noi prima o poi moriremo.

Seduta n.11 del 28/04/2014

È iscritto a parlare il consigliere Augusto Cherchi. Il Regolamento prevede che sulla richiesta di inserimento della mozione all’ordine del giorno vi siano due interventi a favore e due contrari; Dopodiché il Consiglio deve decidere a maggioranza se procedere alla discussione urgente e quindi all’immediata messa in discussione e votazione di questa mozione oppure no.

Nella Commissione attività produttive, a cui fa capo questo settore, più avanti affronteremo tra gli altri anche questo argomento e chiederemo a tutti di dare un contributo per trovare eventuali vie per costruire strumenti di intervento e per dare risposta a quegli artigiani, a quelle piccole industrie che hanno caratterizzato per anni dando anche occupazione l’economia del territorio della Gallura.

  SCARICARE AGENZIA ENTRATE 730

E come è possibile che dopo più di cinque mesi non siamo riusciti a spendere neanche il 5 per cento delle somme; come è possibile che il denaro che lo Stato doveva prestarci, si badi bene non darci, prestarci, debba ancora essere deciso con un emendamento che è ancora all’esame del Parlamento?

Signor Presidente del Consiglio, signor Presidente della Regione, colleghe e colleghi, a distanza di oltre cinque mesi da quel tragico 18 novembre ci troviamo in quest’Aula a discutere sulla mancata o insufficiente erogazione dei fondi da destinare agli enti locali, alle famiglie e alle attività produttive colpite dall’alluvione.

Il primo incancellabile ricordo va sempre alle diciassette vittime: Lo dico per sottolineare che le responsabilità quando si passa da una parte all’altra dell’emiciclo è facile scaricarle.

Atti di concessione

Poiché gli accordi prevedevano di chiudere i lavori dell’Aula alle ore 20, pongo alla sua attenzione io non ho consultato nessuno il problema. Lei scuote la testa ma questa è la situazione, questa è la preoccupazione; non è la mia preoccupazione, è la preoccupazione delle imprese sarde, è la preoccupazione dei cinquanta dipendenti. Mi chiedo come sia possibile, ad esempio, che la vallata del Temo attraversata dal fiume omonimo abbia, a monte dell’abitato di Bosa, una diga di contenimento costruita quasi sessant’anni fa e non ancora collaudata; si tratta di una diga capace di invasare 30 milioni di metri cubi d’acqua e che, se collaudata, permetterebbe alla città di Bosa, una delle città della Sardegna a più alto rischio idrogeologico città fasciata da vincoli PAI e dal Piano delle fasce fluviali, come il territorio di Terralba di vedere ridotto il rischio di circa l’80 per cento.

Presidente, sono dell’avviso che occorra andare avanti. Nella sola città di Olbia, a titolo di esempio, secondo una stima fatta dal comune, i danni subiti dai privati cittadini e dalle attività produttive ammontano complessivamente a 95 milioni e mila euro.

fatture sardaleasing

Siamo scesi a addetti. Gli scorci suggestivi della nostra isola, i profumi, i saperi, le tradizioni e la nostra gente non possono essere né spostati né imitati né contraffatti. Allora, io dico che poco importa se le imprese, se le banche sono favorevoli, noi sardapeasing voluto sollevare un problema serio che è quello del divario, della distanza che si crea quando il potere del credito, sostanzialmente, va via dalla nostra terra. Nell’ambito di sedute recenti, compresa anche quella di stamattina, abbiamo toccato i temi fondamentali che dimostrano che davvero è una lotta continua con uno Stato patrigno.

Amministrazione trasparente | Comune di Talana

Io ero Presidente della Commissione industria artigianato e commercio, e con la zelante funzionaria della Commissione, la dottoressa Sedda, abbiamo presentato in tempi brevi una proposta di legge di sostegno a famiglie e imprese, approvata e diventata la legge numero 61, del 17 novembre Per quanto riguarda l’alluvione di Capoterra del 22 ottobre delanche in quel caso si è legiferato in tempi rapidissimi. Altro problema, che credo vada evidenziato, riguarda il risanamento dei territori alluvionati; qualcuno ipotizzava delle cifre, io mi riferisco unicamente a quelle ufficiali che parlano di danni per milioni e mila euro; questa è l’entità dei danni che è stata calcolata dal commissario straordinario e che ovviamente richiede.

  SCARICA CURRICULUM VITAE DA COMPILARE ONLINE E

Io, invece, credo che il collega Peru abbia sollevato un problema molto importante e, in questo momento, preoccupante; da sempre infatti la politica del credito è stata a sostegno del tessuto produttivo e, soprattutto in Sardegna, proprio le banche e gli istituti che abbiamo citato hanno realmente partecipato allo sviluppo economico dell’isola.

fatture sardaleasing

Onorevole Tendas, il tempo a sua disposizione è terminato. Ripeto, sono passati cinque mesi da quel tragico 18 novembre e il ricordo è scolpito, indelebile, nella memoria. Ha domandato di parlare il consigliere Efisio Arbau per dichiarazione di voto. Quindi, la sede locale e una serie di direzioni operative saranno tenute a Sassari. All’indomani dell’alluvione il Governo io ero presente quel giorno era già consapevole della situazione relativa alle concessioni demaniali e aveva garantito che ci sarebbero stati risarcimenti per tutti gli allevatori colpiti; allevatori che, peraltro chiedono da anni la regolarizzazione delle proprie concessioni demaniali per le quali pagano regolari tasse.

fatture sardaleasing

Io non entro nel merito di questa fusione sulla quale l’assessore dell’industria, Piras, potrebbe dirci molto di più perché era consigliere di amministrazione del Banco di Sardegna allorquando si è realizzata questa fusione.

Quest’ultima soluzione si presenta ovviamente assolutamente insufficiente rispetto alle esigenze degli enti locali colpiti. Un ulteriore taglio di fondi che potrebbe essere destinato al territorio. Si sono verificati dei fatti che ci hanno fatto pensare anche come ogni qualvolta si deve oltrepassare il mare la difficoltà di arrivare ai funzionari che poi di fatto gestiscono le pratiche sia sempre un grande problema.

Io credo che su questo aspetto dobbiamo aprire una riflessione seria e mettere in condizione i comuni di adeguarsi, dando ovviamente una mano perché non è possibile e non è immaginabile che tutti questi ritardi possano essere imputati unicamente ai comuni. Ebbene, quella Commissione speciale non è mai stata insediata, mentre la BPER ha proseguito nel suo piano di svuotamento degli istituti di credito sardi e dei loro asset strategici.

Ritornando all’oggetto della mozione mi preme portare il ragionamento sui danni al patrimonio, alle strutture private partendo da due presupposti.